Ignazio Visco (Banca d’Italia): “Crescita sofferenze e inadempienze probabili. Essenziale supporto delle politiche di bilancio”

Il mese scorso Mario Draghi a Rimini ha concentrato il suo discorso sul peso che avrà un domani il debito sui giovani. Oggi il governatore di Bankitalia Ignazio Visco ha invece parlato della propensione al risparmio come effetto negativo della crisi Covid-19. Giovani e risparmio: entrambe due risorse che l’Italia tiene in musina.

Nella riunione odierna dell’Esecutivo di Abi (Associazione bancaria italiana) le parole del governatore non sono state tra le più ottimiste: «Le conseguenze della gravissima crisi globale causata dalla diffusione del nuovo Coronavirus sono ancora molto difficili da valutare. La portata di questo evento senza precedenti nella storia recente è evidente nei costi che tuttora produce in termini di vite umane, di relazioni sociali, di risultati economici».

Ma è soprattutto l’incertezza a farla da padrona nei mercati. «Nei nostri sondaggi – continua Visco – la propensione alla riduzione delle spese considerate comprimibili, quali quelle per viaggi, vacanze, ristoranti, cinema e teatro, sembra interessare finora non solo i nuclei con maggiori difficoltà economiche, ma anche una quota rilevante di famiglie che non sono incorse in perdite di reddito significative e che non prevedono di subirle neanche in futuro».

E anche le imprese, sebbene con un accenno di ripresa a marzo, rischiano di essere incalzate da un’inflazione di poco superiore allo zero. Le aspettative di metà settembre nell’area euro prospettano il «rischio che l’attuale debole andamento dell’inflazione porti ad accrescere i debiti in termini reali e riduca, anche per tale via, la capacità dei debitori di onorare i propri impegni».

Questo rischio, come segnalato in Commissione d’inchiesta Banche da Monte dei Paschi di Siena, può portare all’aumento dei cosiddetti Npl, Non performing loans o crediti deteriorati, attesi per 130 miliardi dopo la fase di lockdown. «Un aumento generalizzato delle richieste di escussione delle garanzie potrebbe altresì determinare ripercussioni sulle finanze pubbliche», spiega Visco. Le misure di liquidità adottate dal Governo hanno per ora infatti consentito l’espansione dei prestiti attraverso le garanzie pubbliche di Mediocredito centrale e Sace, ma «i rischi di una crescita delle sofferenze e delle inadempienze probabili prodotta da questa gravissima fase recessiva andranno fronteggiati con adeguati mezzi patrimoniali» continua.

A questo proposito nel dibattito europeo si sta inserendo anche la possibilità di rafforzare le cosiddette bad bank, ovvero quelle società specializzate nella gestione di debiti deteriorati. «Ipotesi che considerino anche la partecipazione di investitori privati al capitale di queste società vanno viste con favore», dichiara il governatore della Banca d’Italia.

In questo scenario Visco ribadisce che «resta essenziale il supporto delle politiche di bilancio, a livello sia nazionale sia europeo». «Nel nostro Paese – spiega – occorre guardare ai progetti che le ingenti risorse messe a disposizione dai programmi europei rendono possibili non nell’ottica di una ordinaria legge di bilancio, ma concentrandosi su quegli interventi in grado di farci recuperare i ritardi strutturali che più hanno ostacolato, e ancora ostacolano, la ripresa della crescita e la creazione di occasioni di lavoro».

E un’occasione che sta arrivando dall’Europa è proprio il Recovery Plan, il programma Next Generation EU, che prevede 209 miliardi di euro (a prestito e fondo perduto) da impiegare per l’Italia. «I benefici che l’Italia potrà trarne – avverte Visco – dipenderanno dalla capacità di proporre interventi mirati e coerenti con gli obiettivi e i requisiti del programma e di attuarli in tempi rapidi e senza sprechi».

Spostando l’attenzione sulle banche, invece, Visco solleva la necessità di «rendere più snella la procedura di liquidazione di banche con un totale delle attività inferiore a cinque miliardi». «Non si tratta di chiedere salvataggi pubblici di banche che non è bene che rimangano sul mercato – chiarisce il governatore -, ma di facilitare quanto più possibile una loro uscita ordinata minimizzando l’impatto sulla clientela e sull’economia. Bisogna che le istituzioni si muovano rapidamente anche su questo fronte; siamo disponibili a fornire il nostro contributo».

E con riferimento alla riforma del settore del credito cooperativo, Visco esalta il processo di valutazione approfondita – comprehensive assessment – dei due nuovi gruppi cooperativi – Iccrea e Cassa Centrale – come «un forte stimolo per questi gruppi a rafforzare l’integrazione tra le diverse componenti, migliorare i processi di gestione dei rischi, rendere più efficace il governo societario».

La dimensione economica, invece, sembra sempre avere la meglio su quella territoriale. «A questo riguardo – continua Visco – si fatica a condividere prese di posizione che, invece di spingere per il rafforzamento istituzionale, organizzativo e patrimoniale degli intermediari, si limitano a esaltare i pregi del modello della piccola banca del territorio, non tenendo conto del fatto che la sua sostenibilità è oggi messa in pericolo dalle trasformazioni economiche in atto, non dalla volontà del regolatore o della Vigilanza».

Francesco Ferasin
Francesco Ferasin
Nato a Vicenza il 1º febbraio 1997. Ho conseguito la maturità scientifica presso il Liceo Paolo Lioy e successivamente mi sono laureato in Scienze della comunicazione all’Università di Verona con una tesi sulla filosofia del linguaggio. Ora sto proseguendo gli studi in Strategie di comunicazione presso l’Università di Padova. Le mie passioni vanno dalla letteratura alla storia, dalla filosofia alla musica, ma tra queste spicca quella per il giornalismo, nata tra le pagine dei libri di Oriana Fallaci quando ancora la possibilità di scrivere mi sembrava lontana.

Ti Potrebbero interessare anche...
STESSA CATEGORIA

Fatture Elettroniche

Fatture elettroniche, 2,1 miliardi nel 2019 e 1,7 miliardi nel 2020

0
"Nel 2019 sono state acquisite oltre 2,1 miliardi di fatture" elettroniche "da oltre 3,8 milioni...
Alessio Villarosa sottosegretario al Mef

Banche, Villarosa (M5S) contro il suo ministro Gualtieri (PD): “in bilancio ha inserito Mps ma non Fir”

0
"Sono a conoscenza di tutte le segnalazioni delle associazioni dei risparmiatori in merito alle difficoltà...
Btp Italia

BTP Futura seconda emissione: tassi cedolari minimi garantiti pari allo 0,35%, 0,60% e all’1%

0
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica che la serie dei tassi cedolari minimi garantiti...
Gualtieri (Mef)

Decreto Ristori, Gualtieri: “I primi contributi a fondo perduto erogati in tempi record. Già partiti 211mila bonifici per un valore di un miliardo di...

0
“In un periodo di difficoltà e di giuste preoccupazioni, possiamo dare una notizia positiva: sono...
Cdp (Cassa depositi e prestiti) per l'Italia

CDP e National Investment and Infrastructure Fund: Memorandum of Understanding per iniziative in India di interesse strategico per il sistema Italia 

0
Cassa Depositi e Prestiti ha sottoscritto un Memorandum of Understanding con il National Investment and...

Ultimi Arrticoli

Fatture elettroniche, 2,1 miliardi nel 2019 e 1,7 miliardi nel 2020

"Nel 2019 sono state acquisite oltre 2,1 miliardi di fatture" elettroniche "da oltre 3,8 milioni di utenti. Per il 2020, da dati al 15...

Banche, Villarosa (M5S) contro il suo ministro Gualtieri (PD): “in bilancio ha inserito Mps ma non Fir”

"Sono a conoscenza di tutte le segnalazioni delle associazioni dei risparmiatori in merito alle difficoltà relative al completamento dell’istruttoria FIR ed alla stima dei...

BTP Futura seconda emissione: tassi cedolari minimi garantiti pari allo 0,35%, 0,60% e all’1%

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze comunica che la serie dei tassi cedolari minimi garantiti della seconda emissione del BTP Futura, che avrà luogo...

Decreto Ristori, Gualtieri: “I primi contributi a fondo perduto erogati in tempi record. Già partiti 211mila bonifici per un valore di un miliardo di...

“In un periodo di difficoltà e di giuste preoccupazioni, possiamo dare una notizia positiva: sono passati soli nove giorni dall’emanazione del primo Decreto Ristori,...

CDP e National Investment and Infrastructure Fund: Memorandum of Understanding per iniziative in India di interesse strategico per il sistema Italia 

Cassa Depositi e Prestiti ha sottoscritto un Memorandum of Understanding con il National Investment and Infrastructure Fund (NIIF), il fondo partecipato dal governo indiano...