Fisco. Cnel: riforma con riequilibrio aliquote e riduzione uso contante. Corte dei Conti: meno aliquote Irpef e rimodulazione Iva

Il tema del fisco è uno dei più delicati in discussione nella fase di messa in sicurezza rilancio del Paese dopo il via combattuto libera iniziale del Consiglio europeo alla proposta della Commissione europea che assegna all’Italia il 28% delle risorse complessive  del Next Generation EU: 82 miliardi circa a fondo perduto e altri 107 sotto forma di prestiti finalizzati a una serie di attività.

Il Cnel (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro) nella relazione depositata in Parlamento, presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato, in occasione dell’audizione sul Programma nazionale di riforma (Pnr) per l’anno 2020 ha sostenuto (fonte Public Policy) che “è necessario dare seguito alle reiterate indicazioni del Governo, contenute anche nel Pnr, per attuare una vera riforma fiscale a sostegno della crescita e delle imprese, che superi il susseguirsi di interventi scoordinati e frammentati e sia orientata su quattro assi: riduzione del cuneo fiscale, contrasto all’evasione anche mediante la massimizzazione dei vantaggi delle tecnologie, progressiva riduzione dell’uso del contante, riequilibrio e razionalizzazione delle aliquote per una effettiva progressività“.

Per suo conto la Corte dei conti in un documento sul fisco consegnato anch’esso alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sostiene che “le evidenti problematiche di funzionamento dell’Irpef, a fronte di un processo di ridisegno complessivo del sistema, consiglierebbero di non escludere tra le opzioni una possibile rimodulazione delle esistenti aliquote Iva e anche alcune ipotesi di riduzione del numero delle aliquote (attualmente quattro), dalle quali potrebbero derivare alcuni vantaggi di natura amministrativa“.

Sul punto specifico – si legge ancora nel documento della Corte dei Conti – il Pnr non esplicita alcuna direzione di revisione. Ma ciò non riduce la necessità di compiere una scelta netta in merito al ruolo che le due principali imposte del sistema tributario (Irpef e Iva) debbano svolgere. In favore di uno spostamento del prelievo dall’Irpef all’Iva, giova ricordare che, nel confronto europeo in Italia il peso dell’Irpef rispetto al Pil è tra i più elevati e quello dell’Iva è invece tra i più bassi; e anche che una revisione dell’Iva potrebbe avvenire, modificando opportunamente le aliquote, in assenza di effetti redistributivi indesiderati“.

Ti Potrebbero interessare anche...
STESSA CATEGORIA

BottezZONE: esperimento di economia locale

Un esperimento sociale per superare la crisi: BottegZONE, un’esperienza di economia locale a distanza… ravvicinata

0
Durante i mesi di lockdown a causa della pandemia, molte sono state le strutture che...
Recovery fund, il Next generation Eu passa: da sx Mark Rutte, Angela Merkel, Ursula von der Leyen, Giuseppe Conte, Charles Michel ed Emmanuel Macron (foto Ansa)

Recovery Plan: solo due anni per spendere, poi torna austerity. Palombi sul Fatto smentisce Renzi

0
Siccome in tempi di confusione ogni esercizio di pensiero può rivelarsi utile, vorremmo qui prendere...
Etica ed economia

Il significato delle crisi economiche per la filosofia e le scienze umane: un motore per il pensiero

0
Prima di affrontare un tema così complesso, quale potrebbe essere, effettivamente, quello delle crisi economiche,...
Cdp (Cassa depositi e prestiti) per l'Italia

Borsa di Londra, ok Ue ad acquisto Exchange: Cassa Depositi e prestiti azionista di Euronext

0
L’antitrust dell'Unione Europea ha dato il suo benestare sull’acquisto di Refinitiv da parte del London Stock...
Entrate tributarie in caduta

Entrate tributarie e Covid, MEF: nei primi undici mesi del 2020 gettito pari a 393,6 miliardi con una riduzione di 11,266 mld rispetto al...

0
Nel periodo gennaio-novembre 2020, comunica il MEF, le entrate tributarie erariali accertate in base al...

Ultimi Articoli