Decreto agosto, Buratti (PD): “nessun condono per stabilimenti balneari”

In una nota il deputato del Pd, già sindaco di Forte dei Marmi, Umberto Buratti, risponde ai presunti condoni per i concessionari di stabilimenti balneari contenuti nel dl Agosto.“Nel decreto legge Agosto non c’è alcun condono o regalo per i gestori degli stabilimenti balneari, ma si è dato semplicemente seguito alla sentenza della Corte Costituzionale in materia di concessioni demaniali relative a zone del mare territoriale aventi ad oggetto la realizzazione e la gestione di strutture dedicate alla nautica da diporto. In quella sentenza la Corte ha stabilito come l’aumento dei canoni è possibile (e quindi legittimo), ma ‘va esclusa l’applicabilità dei nuovi criteri alle concessioni non ancora scadute che prevedano la realizzazione di impianti ed infrastrutture da parte del concessionario, ivi incluse quelle rilasciate prima del 2007’. Questo significa che i giudici costituzionali ritengono che gli aumenti ‘risultano applicabili soltanto a quelle concessioni che già appartengano allo Stato e che già possiedano la qualità di beni demaniali. Nelle concessioni di opere da realizzare a cura del concessionario, ciò può avvenire solo al termine della concessione, e non già nel corso della medesima”.

“L’articolo 100 del decreto – spiega ancora Buratti – interviene, esclusivamente, su concessioni demaniali di beni pertinenziali del settore turistico-commerciale e della nautica da diporto per le quali, con la legge 296 del 2006, si era introdotto un diverso metodo di calcolo dei canoni applicando i valori dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare, che di fatto aveva messo in crisi un intero settore e reso impraticabile economicamente qualsiasi ipotesi di investimento”.

“È una norma che in minima parte riguarda stabilimenti balneari, infatti sono circa 300 concessioni interessate e la maggior parte riguarda fondi commerciali, cinema e altre strutture ritenute pertinenze dello Stato. Un caso emblematico – ricorda il deputato dem – è, ad esempio, il cinema-teatro Politeama di Viareggio che si è visto determinare un super-canone di circa 150mila euro. Una somma così alta e fuori mercato che prima ha fatto chiudere l’attività e poi ha reso quel complesso inavvicinabile per chiunque avesse voglia di investire”.

“Stessa situazione per l’ex ristorante Mokambo, posto a 100 metri dalla famosa Capannina di Forte dei Marmi, abbandonato da anni e in condizione di avanzato degrado nonostante le diverse gare bandite per la l’assegnazione ma andate deserte. Quindi, per queste situazioni e casi simili – conclude Buratti – il decreto legge, riprendendo le disposizione della legge n.147 del 2013, interviene solo per chiudere i contenziosi e riportare il calcolo dei canoni demaniali al metodo tabellare”.

Fonte (Public Policy)@PPolicy_News

Ti Potrebbero interessare anche...
STESSA CATEGORIA

BottezZONE: esperimento di economia locale

Un esperimento sociale per superare la crisi: BottegZONE, un’esperienza di economia locale a distanza… ravvicinata

0
Durante i mesi di lockdown a causa della pandemia, molte sono state le strutture che...
Recovery fund, il Next generation Eu passa: da sx Mark Rutte, Angela Merkel, Ursula von der Leyen, Giuseppe Conte, Charles Michel ed Emmanuel Macron (foto Ansa)

Recovery Plan: solo due anni per spendere, poi torna austerity. Palombi sul Fatto smentisce Renzi

0
Siccome in tempi di confusione ogni esercizio di pensiero può rivelarsi utile, vorremmo qui prendere...
Etica ed economia

Il significato delle crisi economiche per la filosofia e le scienze umane: un motore per il pensiero

0
Prima di affrontare un tema così complesso, quale potrebbe essere, effettivamente, quello delle crisi economiche,...
Cdp (Cassa depositi e prestiti) per l'Italia

Borsa di Londra, ok Ue ad acquisto Exchange: Cassa Depositi e prestiti azionista di Euronext

0
L’antitrust dell'Unione Europea ha dato il suo benestare sull’acquisto di Refinitiv da parte del London Stock...
Entrate tributarie in caduta

Entrate tributarie e Covid, MEF: nei primi undici mesi del 2020 gettito pari a 393,6 miliardi con una riduzione di 11,266 mld rispetto al...

0
Nel periodo gennaio-novembre 2020, comunica il MEF, le entrate tributarie erariali accertate in base al...

Ultimi Articoli